Altri Artisti

Spazinclusi nasce dall’esigenza di scrivere racconti e confrontarci col mondo esterno, attraverso le parole. Ma non ci è bastato. Abbiamo voluto cercare collaborazioni con altri artisti, per giocare con immagini che diventano frasi, espressioni, discorsi e, perché no, anche viceversa.
Qui troverete una breve biografia dei vari artisti che ci accompagnano nel nostro percorso di crescita narrativa.

William Bersani

Come esponente delle scimmie vestite, m’interrogo sugli inesistenti problemi dell’uomo moderno, intento a sfuggire ai quotidiani orrori che stritolano gli sprovveduti e premiano gli sciacalli.
Rifuggo la coerenza come un valore sopravvalutato e perseguo la compassione come virtù dimenticata. Ho la capacità di fiutare le utopie da un miglio di distanza, cosa che mi aiuta nel seguirle, e ho allergia per l’irrazionalità, se non condita con la giusta dose di sentimento.
Facile alla commozione, oltre il sostenibile, modello un’anima che troppo facilmente sa come tramutarsi in pietra.

Alessia “Stamp” Damiani

E’ alla continua ricerca di strade poco battute in cui perdersi. In quelle “vie traverse” vede storie e sceglie di raccontarle attraverso il suo occhio meccanico.
Utilizza il riquadro fotografico come punto di forza, sfruttando il confine fisico per creare senso, ma poi l’aspetto suggestivo emerge con energia, abbatte i confini e rimanda a un livello metafotografico. Le foto riflettono le emozioni innescate dai suoi mondi interni e dalle pluralità con cui intesse trame.

Erika Romano

Tarantina girovaga, pigra ma curiosa, è sempre stata attratta dall’arte. Sin da bambina osservava il mondo con attenzione ancor prima di disegnare, molto disordinata ha perso tante opere durante i traslochi, ma è sempre convinta che niente vada perduto se si ha la costanza di ricominciare. Ha esposto in collettive presso Roma e Taranto, perché adora confrontarsi con gli altri, è sempre in bilico tra il “lo farò” e “non riuscirò mai a farlo”. Si è lanciata in questa iniziativa perché ama molto leggere ed immaginare i contesti e i personaggi dei racconti. Combatte col disegno, croce e delizia della sua vita. Usa la tavoletta grafica come esperimento, siate magnanimi voi che guardate.

Magale

Magale

Mi chiamo Alessio e sono nato a Roma nel 1983. La passione per la fotografia nasce per caso solo nel 2009, quando mi viene regalata la mia prima Bridge. In breve tempo mi ritrovai a dedicare tutto il mio tempo libero a “quell’aggeggio” e iniziai a sperimentarne tutte le sue potenzialità. Tre anni dopo, grazie a mia moglie, è arrivata la mia prima reflex: una Nikon D3100.
Proprio perché fotoamatore, e quindi libero da qualunque vincolo professionale, fotografo esclusivamente ciò che mi piace, ciò che colpisce in qualche maniera la mia fantasia o suscita il mio interesse.
Attualmente prediligo la fotografia paesaggistica, d’architettura e ritrattistica (visto tre splendidi soggetti che ho a disposizione…).

Max_DoctorShot&MisterTale

Massimiliano Renaud & Mattia Bragadini

Attratti da (quasi) tutte le forme d’arte, abbiamo iniziato con la scrittura che ha fruttato la pubblicazione di un racconto, di un romanzo breve e di alcuni pezzi interessanti ancora chiusi in un cassetto.
Quando anche la fotografia ha iniziato a rapire le nostre ore libere, abbiamo deciso di abbinare le due arti creando www.doctortaleandmistershot.it, un luogo in cui lettere e immagini si fondono in un unico essere narrante.
E ora, è con grande onore, che partecipiamo a questo splendido progetto.

Matteo “ShannoSauro” Vettori

Matteo Simone Vettori, in arte e capriccio “ShannoSauro”, ha studiato (poco) disegno e sceneggiatura alla SRF: Scuola Romana di Fumetti.
Un pessimista qualunque, vede la vita come un modo crudele per arrivare alla morte. (°A°)
Il suo senso dell’umorismo è un enorme scudo contro questi pensieri, la sua matita una spada non troppo affilata nella perenne guerra contro la pigrizia.
Sembra molto triste tutto ciò, ma non abbiate timore: basta riderci su.